Eventi FreeZone

Multisala Impero Varese

SALA URANO

L’Associazione Culturale FreeZone

presenta

EROS E LIBERAZIONE

UNA GIORNATA CON TINTO BRASS

In collaborazione con:

Multisala Impero Varese
VZ Comunicazione
Palace Grand Hotel Varese

L’acquisto del biglietto per lo spettacolo delle 22.30 da’ diritto all’ingresso all’incontro pubblico con il regista

giovedì  26 novembre 2009
ore 17.30

Sala Urano

Un esordio libertario

In capo al mondo – Chi lavora è perduto
Italia, Francia 1963

ore  19.00

Il montaggio delle rivoluzioni

Ça ira- Il fiume della rivolta
Italia 1964

ore 20.45

Sala Urano

Incontro pubblico con il regista

condotto da Maurizio Fantoni Minnella

ore 22.30

Viaggio nelle mitologie degli anni settanta

Action!
Italia 1980

Perché Tinto Brass a Varese?

Perché dietro il fascino apparente e autoconsolatorio della sua ultima produzione, si nasconde, anzi, non si è mai nascosto affatto, il temperamento e il talento di un autore a tutto tondo.
Lo testimoniano, ad esempio, il suo “apprendistato“ di cinephile alla Cinemateque Française dove si nutre di un gran numero di pellicole di autori classici e moderni, assorbendone il fascino e la sottile complessità. Ma anche l’esordio come regista nel 1960 (Chi lavora è perduto) accanto ad altri autori italiani che come lui aspirano a cambiare il corso della storia del cinema, in nome del linguaggio e della modernità o di entrambe le cose, cambiando il modo stesso di guardare i film da parte dello spettatore.
L’incontro con la cultura pop inglese nella Londra della swinging London prima (Col cuore in gola) e con la rivolta del sessantotto più tardi (L’urlo), genereranno cortocircuiti creativi che condurranno il nostro autore sempre più nei territori dell’anarchia come forma di fuga e di liberazione dalle convenzioni del mondo borghese (Dropout, La vacanza) o in quelli già più strettamente legati all’eros        come elemento destabilizzante rispetto a qualsivoglia discriminazione di classe o di razza. (Nerosubianco).
Da sempre autore, regista e montatore delle proprie opere, Brass realizza nel 1963 un documentario (Ça ira-il fiume della rivolta), il solo di un’intera e lunga carriera, basato interamente sul montaggio di immagini di guerre, di oppressione e di morte che nel corso del ventesimo secolo hanno saputo far scaturire un profondo, inesauribile, desiderio di libertà. Che più tardi Brass identificherà con l’eros, a suo dire, la sola  arma di difesa, in qualsiasi caso,  contro la “banalità del male”.
Se l’eros è raffinato voyeurismo (La chiave), esso si può perfino trasformare in strumento di controllo e di potere (Salon Kitty, Caligola), riproponendo così quell’idea di “una sola anarchia possibile, quella del potere” di pasoliniana memoria.
Quando il regista torna sui suoi passi, ritrovando le proprie tematiche giovanili, in realtà ben sappiamo che egli opera una sorta di viaggio picaresco e sarcastico nelle mitologie cinematografiche degli anni settanta (Action!).
Il resto, ed è molto, è storia recente, dall’andamento diseguale, spesso monocorde, comunque  riconducibile alla figura provocatoria e versatile del suo autore.
Comunque sia, fin troppo conosciuta dal grande pubblico perché se parli qui e ora.

Abbiamo voluto rendere omaggio all’autore Brass, proponendo tre opere tra le più significative e meno conosciute dal grande pubblico, che non solo esprimono un indubbio talento visivo (oggi peraltro sempre più raro), ma anche una non comune sensibilità e attenzione verso le trasformazioni sociali e culturali del mondo contemporaneo.
Abbiamo altresì inteso avvalerci della sua stessa presenza in sala, il 26 novembre, perché possa parlarci di tutto questo e dialogare con il pubblico.

Maurizio Fantoni Minnella

Slideshow
Get the Flash Player to see the slideshow.
Indice
Sponsor

Promosso da:

freezone

In collaborazione con:

logo-ultimo-Provincia-di-Varese

LOGO-COOP-LOMBARDIA-ALTISSIMA

LOGO-MIV

logo-MIV-cafè

logo_Vale-Moskito

LOOGO-DOCUME'

Con il patrocinio di:

Logo-Città-Giardino

LOGO-ITALIA-CUBA1

LOGO-CASA-AMERICA

LOGO-SNCCI

LOGO-SVIZZERA-CUBA2